080 809 3199 info@aikidobaridojo.it
L’Aikido è feroce

L’Aikido è feroce

Aikido a Bari al dojo “Mizu no Kokoro” con D. Romanazzi sensei

Non è vero che si è liberi di muoversi, l’Aikido è feroce, spietato nei suoi gesti e nella precisione che richiede. E’ lontano il momento in cui ci si può liberare dalla forma, dalle linee da seguire, lo studio non finirà mai.

Questa una delle riflessioni scaturite da un ottimo seminario con Daniele Romanazzi sensei, VI Dan Aikikai so Hombu, Okuiri-sho III Dan di SMR Jodo. Pratica intensa e profonda che ha visto coinvolti bambini, ragazzi e adulti del nostro dojo “Mizu no Kokoro” sotto la guida e lo sguardo attento del sensei.

Nel pomeriggio di sabato 18 maggio si sono svolti gli esami di passaggio di grado, con tanti momenti gioiosi e coinvolgenti grazie all’entusiasmo dei tanti bambini e dei genitori che hanno riempito il dojo. Poi il clima si è fatto diverso, calmo e concentrato con l’inizio degli esami del gruppo ragazzi e degli adulti. Sudore, fatica, abilità, impegno e dedizione hanno portato tutti al passaggio di grado e i nostri sempai Roberta e Antonio al grado di II kyu.

Niente coppe e medaglie, non ci interessano e non è per questo che pratichiamo Aikido. Sono altri i traguardi a cui aspiriamo.

L’Aikido è feroce.

Lascia un commento

Chiudi il menu