080 809 3199 info@aikidobaridojo.it
Hatsuyume, il primo sogno dell’anno

Hatsuyume, il primo sogno dell’anno

Il primo sogno dell’anno sarebbe in grado di predire la nostra fortuna per i 365 giorni a venire. Questa la tradizione nipponica e sebbene il termine hatsuyume significhi alla lettera “il primo sogno”, in realtà il discorso vale anche per la seconda notte, quella fra l’1 e il 2 gennaio, quindi avete ancora un’altra possibilità.

Ichi Fuji. Ni taka. San nasubi, “Monte Fuji, falchi e melanzane”. Si tratta di un proverbio risalente all’epoca Edo in sui si elencano i sogni più fortunati in ordine d’importanza, con il monte Fuji al primo posto.

Ad accomunare i tre elementi è la loro “altitudine”: in metri per quanto riguarda il monte Fuji e il volo del falco, e in denaro per quanto riguarda il prezzo delle melanzane.

Ma c’è di più: oltre a essere la montagna più alta del Giappone, il monte Fuji è un simbolo di sicurezza, il falco è un uccello forte, intelligente e associato all’idea di successo; la melanzana è considerata un portafortuna per via del suo nome giapponese, nasu, il cui suono è analogo a quello del verbo “realizzare”. Infine, tutti e tre i simboli sono associati a tre antiche leggende popolari legate al tema della vendetta.

Fra gli altri sogni fortunati, subito a seguire ci sono il ventaglio, il fumo di sigaretta e il monaco cieco, che in un certo senso rafforzano il significato dei primi tre.

Il Monte Fuji ha la forma di un ventaglio rovesciato che si apre. Ed è proprio il concetto di apertura a essere considerato di buon auspicio, così come l’innalzarsi verso il cielo che accomuna il falco e il fumo di sigaretta. Infine, né la melanzana, né il monaco hanno capelli. Che cosa c’entra il fatto di essere calvi con la fortuna? Facile: in giapponese, “senza capelli” si dice ke ga nai, che suona esattamente come kega nai, cioè “senza danni”. Ecco perché entrambi i sogni sono considerati portatori di ottima sorte.

Una volta svegli domani, qualunque siano stati i vostri sogni, ricordatevi che le porte del dojo sono sempre aperte e che ricominciamo lì dove ci siamo salutati pochi giorni fa, sul tatami.

Nuovi praticanti, curiosi, appassionati di arti marziali e della cultura giapponese in genere, siete tutti invitati alla prima lezione di Aikido del 2019 al dojo Mizu no Kokoro.

Domani 2 gennaio ore 20.30 a Bari in via G.Postiglione 14/E, abiti comodi, piedi nudi, voglia di scoprire qualcosa di nuovo e mettersi in gioco.

Ti aspettiamo

Lascia un commento

Chiudi il menu